Sei qui: Home Programma 2014 Ospiti 2014 Chiara Frugoni

Chiara Frugoni PDF Stampa E-mail



Chiara Frugoni
“Perfino le stelle devono separasi” Ed. Feltrinelli

E così accade che una studiosa come Chiara Frugoni lasci i sentieri della ricerca e torni a quelli di ciottoli che conducono a Solto, un piccolo paese dell'alta bergamasca, e alla casa dei nonni materni, dove ha passato tutte le estati della sua vita. Vi torna per raccontare un tempo che è stato quello
dell'infanzia. Con un fortissimo senso delle radici e affidandosi alla nettezza dei sentimenti, Chiara Frugoni ricorda questo villaggio contadino prima della sua definitiva trasformazione: attingendo soprattutto a memorie private, ai personaggi famigliari che vogliono uscire da fotografie e quadri per prendere la parola e tornare a ripercorrere i propri destini. Chiara Frugoni illumina i bellissimi occhi chiari dello zio dottore, elegante anche per sentieri e strade infangate, scolpisce la laboriosa severità di Censo, il falegname, evoca la ruvida nonna Teresa e il pio nonno Serafino, si attarda su Diodata, sorella del nonno, scrittrice travolta dalle teorie dannunziane, vessillo di un'emancipazione senza libertà, morta chiedendo una coppa di champagne, rammenta in un nostalgico ritratto la misteriosa nonna Dina. La costellazione di personaggi si complica e si approfondisce lungo un arco temporale di un secolo. In questa "autobiografia con figure" si dispiega un mondo scomparso che è chiamato a dirci di cosa non deve andar priva la nostra memoria.


Chiara Frugoni, nata a Pisa il 4 febbraio 1940 è una storica italiana, specialista del Medioevo e di Storia della Chiesa.
Figlia del Medievista Arsenio Frugoni, ha studiato alla scuola Normale Superiore di Pisa. Attualmente insegna Storia Medievale all'Università di Roma II e collabora a La Repubblica e al Manifesto. Ha dedicato importanti studi alla figura di Francesco d'Assisi e all'iconografia Medievale. Tra le sue ultime opere: Mille e non più mille. Viaggio tra le paure di fine millennio con Georges Duby (1999), Due Papi per un Giubileo. Celestino V, Bonifacio VIII e il primo anno Santo (2000), e Medioevo sul naso. Occhiali, bottoni e altre invenzioni Medievali (2001).