Sei qui: Home Programma 2014 Ospiti 2014 Lilia Bicec

Lilia Bicec PDF Stampa E-mail

Lilia Bicec
“Miei Cari Figli, vi scrivo” Ed. Einaudi

Lilia è una giornalista. Sposata con un uomo violento e madre di due figli, un giorno decide di lasciare una Moldavia soffocata dalla povertà per cercare fortuna in Italia. Passata la frontiera illegalmente, presto si rende conto dell'impraticabilità del suo sogno: i suoi studi lì non valgono niente e l'unico lavoro che trova è come badante. Vorrebbe imparare i costumi e la storia degli italiani, ma la sera è esausta e non riesce a studiare. Può solo scrivere ai suoi figli in Moldavia, per sentirli crescere, raccontare loro "la vita dello straniero" e vincere cosi l'enorme solitudine che si porta dentro. Dall'avventuroso esilio dei nonni in Siberia alla disperazione di un giovane rumeno arrestato per sbaglio, la storia vera di Lilia si popola di personaggi memorabili: uomini e donne
senza radici che vivono tormentati da una nostalgia senza fine. Dalla voce della protagonista, un romanzo che ha l'intimità di una lettera e la forza - e il coraggio - di raccontare l'Italia da una prospettiva tutta nuova.


Lilia Bicec nasce nel 1965 a Viisoara, un piccolo paese della Repubblica Moldava da Eugenia e Michael, ex deportati in Siberia. Studia a Chisinau, dove nel 1989 si laurea in giornalismo e inizia a lavorare come giornalista per giornali e radio. Nel 2000 arriva in Italia lavorando come colf e badante, ora vive a Brescia dove ha fondato l'associazione «Moldbrixia». Nel 2009 ha pubblicato in rumeno il nucleo centrale di Miei cari figli, vi scrivo (Einaudi, 2013) con il titolo Testamento non letto (Cartier).